domenica 9 agosto 2020

Puro istinto

Quando un desiderio si fa pericoloso la consapevolezza della caxxata dovrebbe farci ragionare. 
E invece no. 
Una lotta al limite del surreale, nelle acque gelide, che bollivano solo di passione, la stessa che mettiamo negli sport pericolosi, lo stesso impegno e impeto, e lividi, sulla roccia, dolore, nessun odore, solo quello della natura che ci accomuna, e come animali che seguono solo l'istinto, esploriamo ogni angolo di quel piccolo paradiso, e ogni angolo dei nostri corpi, al riparo da sguardi indiscreti e vogliosi di nuove sensazioni, mai provate prima, ma soprattutto: fuorilegge.

Ansimanti e stanchi, sanguinanti, con le fronti appoggiate l'una all'altra, lei con gli occhi socchiusi, io che non la perdo di vista. La sorreggo ancora a me, poi in un attimo, la consapevolezza della caxxata... o forse no... la lascio. Lei mi guarda e mi sorride. Io non ci riesco, la guardo mentre mi allontano, poi le volto le spalle ed esco dall'acqua. 

Raggiungiamo gli altri in assoluto silenzio, abbiamo ancora una notte da passare all'aperto. Devo trovare una scusa per andarmene. 
Lei indifferente che batte il 5 nelle mani degli altri. Non una sbavatura, non un imbarazzo, nulla. 

Gole del Salinello



Nessun commento:

Posta un commento