giovedì 9 novembre 2017

Strane, stranissime sensazioni...

La bellezza di una persona ha valore nel momento stesso in cui decidiamo che quella persona possa piacerci. E non nel senso fisico del termine, ma in generale.
E infatti è solo quando decidiamo che una certa persona possa piacerci che cominciano a smussarne i difetti e a tirar fuori, spesso con le tenaglie, i pregi.
Poi a lungo andare ci si accorge magari, che quei pregi, tirati fuori con difficoltà, in realtà non sono pregi, bensì costruzioni, artefizi nati per caso e solo perché da noi ricercati. In pratica ognuno di noi spesso diventa adorabile ad occhi di persone con cui mai e poi mai si prenderebbe, solo per una consuetudine temporale di: volemoce bene!
Dal web
Quindi, alla fine, si frantuma pian piano anche questo strano aspetto, e la persona, che avevamo deciso che ci sarebbe piaciuta diventa esattamente completamente indifferente.
Ebbene: la mia segretaria invisibile è così!!!
E Dio solo sa quanto mi sto massacrando nel tentativo di ritrovare quell'interesse che al tempo mi rendeva un perfetto imbranato al suo cospetto, mi divoro dentro, nell'immane compito di ritrovare
quella ambiziosa attrazione e rimango qui, seduto davanti al fuoco, con gli occhiali sul naso, con il mio ciuffo cadente sulla fronte, con la mia barba tornata incolta e seducente, con le mani sul collo, a cercare di capire dove fosse finita quella strana sensazione che mi provocava... e non c'è! Ma caxxo c'era! Possibile che ancora riesco a cadere intrappolato in facili attrazioni che non portano a nulla?
E poi toh: bussano alla porta! Non mi scompongo affatto: so chi è! Non mi muovo, ma sposto lo sguardo verso la finestra sul selciato, ed ecco che compare: mi tocca! Mi alzo e apro: "ehi G., come mai da queste parti?" e come di consueto ultimamente, giro le spalle e torno sui miei pensieri... ed entra!