martedì 4 ottobre 2016

Giocando.... si impara!

Le sconfitte sono dure lo ammetto e ultimamente anche il lavoro mi sorride poco.
Forse è solo bisogno di cambiare un pò. Un mio amico dice sempre: uno è poco, cinque sono tanti...io sono ben oltre! Eppure ne ho cambiati diversi, sempre nel ramo, ma i miei posti sono sempre stati svariati!
Eppure anche per me è arrivato il momento della "noia".
Forse è l'età che lo richiede: il cambiamento! E la domanda prima o poi viene in mente a chiunque: "Mi reinvento: si ma come?"

E così inizio il mio percorso.... per gioco, e per amore.... ma non mi licenzio, piuttosto ingrano la quarta!
Il mio "due di picche" si svela segretamente innamorata di me, ma con astio e fastidio, poiché il confronto la uccide: le manca l'autostima, ma forse ha solo paura!
Così scappo, anche da lei, che scappa da me e riprendo un vecchio stile: il raccontastorie!
Ricordo ormai lontano di me, quando "G" era ancora un'amica e la mia unica aspirazione era "vestire il mondo". Ebbene si, passavo del tempo nelle scuole grazie ad un  progetto nato da me, nel mio paese d'origine, e iniziato quando ancora ero un ragazzo, quando il mio riccio era scanzonato, il mio verbo era vivere, e il mio stile....impeccabilmente pulito!

Ora torno lì, in quella scuola, dove i bimbi non sono mai gli stessi: ogni anno crescendo un pò perdono un pò della loro infantilità: oddio che peccato!
E per gioco, di nuovo, abbandono il mio lavoro e non fotografo mise ma i soggetti per la mia fantastica nuova storia, che verrà illustrata dalle mani sapienti di una mia vecchia amica in un fantastico libro per bambini!

E ora sono qui: seduto per terra, a giocare a fare il bimbo, imparando da loro che ogni attimo è perso, nessun sorriso è sprecato, e un abbraccio...non è mai dovuto, ma voluto!

E ritrovo una serena pace che mi mancava da un pò!

Grazie!
Foto da http://www.centromandala.info/