martedì 4 febbraio 2014

Imbarazzanti incontri....

In queste giornate frenetiche, rincorrendo nuovi gusti, nuove proposte e nuove tendenze, mi accorgo inesorabilmente che ho bisogno necessariamente di una pausa e dico necessariamente! Soprattutto quando tra le varie tappe e i vari incontri mondani, alla scoperta di nuovi street style... un pò deludenti devo dire in questo periodo, sei costretto a condividere discorsi inutili e cerimoniose strette di mano a gente a cui onestamente non rivolgeresti mai e poi mai alcuna parola se non in casi strettamente necessari.

Ed è proprio con una di queste persone che entro stranamente in confidenza, sarà per il suo gusto, sarà per la sua predisposizione al buon parlare, o sarà come dice sempre mia madre un uomo diventa interessante quando infila la mano nella tasca dei pantaloni, sgualcendo la sua giacca perfetta e dimenando davanti a se l'altra a reggere discorsi interessanti su tutto ciò che a nessuno interessa!

Per certi versi assai simile a me, distinto, colto, di bell'aspetto, cita persino frasi di sua madre, ebbene tale persona si dimena tra i vari discorsi inutili accingendosi anch'egli, per non esser da meno, a fraseggiare e commentare quanto più di comune c'è in questo periodo nonostante fosse un argomento assolutamente fuori luogo, se non per il fatto che bene o male ci inserisca dentro, ancor meglio di come io potrei, qualche apprezzamento per la moda o lo stile scelto. Così entrando nel vivo della politica italiana e non, cominciamo dai gusti orrendi della Merkel per giungere all'imbalsamato quanto ormai indistinto nostro ex-Premier. Consapevoli entrambi dell'attenzione che avremmo destato nei vicini le nostre risate hanno cominciato a diffondere simpatia e ad attrarre ogni sorta di persona lì intorno a noi. Finché una strana attenzione mi coglie impreparato. Va bene che siamo nell'era dove tutto è possibile e mi rendo anche perfettamente conto che "diverso" è una parola piuttosto sfruttata. Tuttavia ad un certo punto, l'attenzione diventa interesse, e gestualità diventa confidenza. Finché lampante e cristallino irrompe un sospetto nella mia mente: perchè mai ci sono solo due donne attorno a noi e così tanti uomini in un evento dove la parola "femmina" è il marchio che lo distingue?
E comincio a guardarmi intorno osservando attentamente il buon gusto di queste persone, e mi rendo conto ahimé che nonostante la mia degna maestra abbia appoggiato in pieno un mio sfacciato nuovo look imperfetto, questo look volge attenzione anche in cotanta altra gente. Finché una mano che mi sfiora il volto con la scusa di essersi poggiata sulla mia spalla all'altezza del colletto della mia camicia senza cravatta mi gela un pochino!!! Ora, come togliersi da questa imbarazzante situazione? Semplice: devo andare al bagno! Niente di più sbagliato! Vengo pedinato.... Divincolarsi non è semplice e dare spiegazioni è piuttosto imbarazzante ma sono pur sempre un uomo di un certo stile e quindi non dimentico che, nonostante non fosse la scelta migliore, la verità è l'unico modo per togliersi da quella imbarazzante situazione e tengo a precisare due cose: amo la moda e tutto il suo contorno e sono felicemente impegnato..... con una donna!