venerdì 6 dicembre 2013

Un inverno... dolce... il secondo con voi!


Dicembre: un anno di buoni propositi e sul finire... prepariamo altri nuovi buoni propositi per il prossimo anno.
Tiro le somme, seduto sulla mia poltrona davanti ad un camino enorme, acceso, caldo, vicino alla finestra che concede un paesaggio da fiaba, la mia casa... così come è, così come la volevo, perfettamente in sintonia con me, con la mia musica preferita di sottofondo, una cioccolata calda e il vento che solleva le poche foglie rimaste a terra sul selciato. 
E' passato un anno esatto dal mio primo post sul mio blog, e resto ancora un perfetto romantico.
Un gatto, due donne, una vecchia amica, una vacanza perfetta estrema, un lavoro frenetico, una moto nuova, rubata e distrutta, pochi attimi in famiglia ma essenziali e buoni e sul finire... io!

Ancora Murphi mi gioca brutti scherzi, oppure tanta fantasia e vizio di penna, lascia sgomenti sui possibili eventi possano verificarsi con maestria di inganno e consapevolezza ad un distinto uomo dal bell'aspetto e indiscutibilmente ... romantico.
Dopo un anno sono e resto anche un pò incazzato, poiché nella vita, si sa, un pò di sano augurio di malauspicio ce ne vuole per poter stare tranquilli nella inconsapevole speranza che peggio di così non possa andare. 
Tuttavia mi diverto... a credere nelle favole e a sperare di poter incarnare le vesti di qual principe Azzurro al cospetto di qual fanciulla si conceda alla bellezza dell'esperienza di una vita tranquilla con l'innato senso di tranquillità che vive in me.
L'inspiegabile leggerezza dell'essere che alberga nella mia casa è un'invitante calamita per molti, i miei amici, i quali decidono consciamente che tale debba rimanere lasciando questa serenità al cospetto del padrone di casa, che non sono io, ma il mio maremmano tutto pelo...non più "canoso" ahimé...poiché un capitolo chiuso, è un capitolo chiuso.
Guardando fuori dalla finestra ho un brivido, e improvvisamente il calore del fuoco provoca in me strane sensazioni contrastanti finchè, il caldo cioccolato che scende giù dalla mia bocca genera un inconsueto senso di nausea... e noto improvvisamente che i brividi, la sensazione di freddo e la nausea mi hanno acceso un forte mal di testa.... e una strana, sospetta, inequivocabile subito dopo sensazione di febbre: e così comincia il mio caldo inverno... un anno esatto dopo il mio primo post sul mio blog, un anno pieno di cose belle, di eventi strani, di frenetico lavoro, di ottimi rapporti, di strani ricordi, di nostalgia infantile... sono qui, dove ho cominciato ma con 38.7 gradi di febbre...

Grazie per la gentile compagnia, spero di concedervi attimi di serena tranquillità tra le righe di questa mia vita!