giovedì 19 dicembre 2013

Per negozi...

Ogni Natale preparo con cura la lista delle persone a cui donerò un pensiero. Solitamente dono ricordi, mi piace lasciare un segno quindi non esito e rischio, tuttavia per non sbagliare ho una fedele amica con me che mi consiglia a dovere, soprattutto per i miei nipoti: Teresa! Difficile da credere ma girare per le vie del centro con Teresa è assolutamente diventato un rito, anzi: il rito!!!

Lei, donna paffuta ma sempre ben vestita e assolutamente impeccabile e come dice lei "mica ti voglio far sfigurare Chicco!"... un altro nomignolo... il suo! E continua: "che belle queste giornate dei regali: tutte le mie amiche mi invidiano questa giornata, ah a proposito: ricordiamoci di andare a prendere la cioccolata calda al solito posto...." perché lì incontreremo le sue amiche! Ed è buona norma andarci dopo aver acquistato i regali, tra cui il suo, poiché così possono invidiarla ancor di più, neanche fossi realmente Clooney o chissà chi!
Tuttavia, è esilarante divertente e sicuramente proficuo per me... tranne quando cado in tentazione e comincio a girovagare nei reparti dove sicuramente non potrei trovare nulla per i miei super nipoti! Di solito la scappella in testa ci sta!
La giornata si svolge a partire verso la sera... romantica... ma con Teresa nulla è romantico ma sa di Natale e mi piace! Cominciamo dai piccoli negozietti, quelli di nicchia, o quelli che nascondono i doni più belli e inaspettati! E lì riusciamo a starci anche per ore! Federico, il negoziante, che ha il mio medesimo nome, quando ci vede entrare ha la faccia di un bimbo che ha appena visto Babbo Natale...... la cosa mi fa pensare e alla fine, come sempre, usciamo da lì con due borse piene di pacchi e pacchetti... perché Teresa i suoi regali li compra in questa occasione natalizia: il nostro pomeriggio!
Poiché tali negozietti hanno sempre il regalo perfetto, anche se non sai bene per chi, ma comunque perfetto, esci anche con qualcosa in più che avrai occasione di donare durante una qualche ricorrenza del nuovo anno! E qui: gatta ci cova!
Sebbene avessimo già le mani piene, nulla ci vieta di addentrarci nei meandri dei mega store, da cui usciamo di solito impacciati, delusi e acciaccati visto il gran caldo, la calca e l'inutilità degli oggetti esposti!
E torniamo sui nostri passi... negozietti e artigiani sono i nostri preferiti e alla fine eccolo: l'ho trovato! Probabilmente l'artigiano di cui parlo ha ricordato la mia richiesta di una anno fa ed è esattamente come lo avrei voluto: un trenino di legno con rotaie annesse. Ma non il classico trenino in legno, ma una fedele, fedelissima riproduzione in miniatura di una motrice, dei suoi 3 vagoni e dei due cassoni da rimorchio. Uno spettacolo, come il prezzo... un insulto alla crisi! Ma non potevo lasciarlo lì: voglio dire, Babbo Natale i suoi giocattoli li fa costruire a mano dagli elfi e il mio cucciolo di un nipote aveva intenerito il mio cuore facendomi notare proprio questo dettaglio! Non potevo lasciarlo lì: "eddai Chicco, non fare lo spilorcio!"... frase inopportuna se detta mentre sto cercando di tirare il prezzo, oltre al nome stesso, inopportuno,  e così alla fine esco da questo negozietto con questo mega pacco, con una carta di credito svuotata ma con un sorriso che rende giustizia alla felicità di un bimbo... E mentre esco non vedo la passante che cercava di entrare, impacciato con quello scatolone, mi scuso urtandola pesantemente e riconosco una risata familiare... una folata di vento.... Coco... 


Buona scelta al più bel regalo di Natale a tutti... ;-)