venerdì 11 ottobre 2013

A ragionarci bene.... è di fatto un due di picche!!!

Guardare la realizzazione delle fantasie dei professionisti della moda non è altrettanto bello e interessante quanto osservare le varie interpretazioni degli invitati alle sfilate e coglierne quindi quante più idee possibili!!! Noi non eravamo alle sfilate per guardare e conoscere le proposte dei grandi brand piuttosto eravamo lì per rubare idee e osservare il prossimo trend di stagione.... 
Le varie sfaccettature della moda ci hanno concesso uno spettacolo inverosimile e incredibile. Non si tiene quasi più conto del luogo, dell'ora, delle persone che ci saranno e nè tantomeno del clima, anche se per me la regola base resta e resterà sempre:  dove, quando, con chi, e perché!!!!
Eppure mi sorprende il modo in cui ad oggi è assolutamente necessario cogliere l'attenzione eccedendo in ogni modo e senza regole. Mentre continua ad attrarre la mia attenzione quell'insignificante particolare imperfetto che veste a perfezione una mise indiscutibilmente già perfetta e assolutamente ... normale.

http://www.three4style.com/2010/09/vestini-country-vintage-di-zara.htmlE mi innamoro: di cosa? Ancora una volta di un bel tacco 7 sotto un pantalone vecchia annata, stretto in caviglia largo ai fianchi, sceso e decisamente imperfetto, abbinato ad una camicia bianca maniche tirate su a tre quarti e di nuovo capelli assolutamente coerenti con la moda di questo inverno, mossi, corti dietro e lunghi davanti, con alcune ciocche che donano una luce naturale schiarite dal sole della passata stagione, scoperto a vista un invitante collo lungo e assolutamente sensuale. 
La cosa assolutamente imperfetta: l'indiscutibilmente affascinante donna che ha colto la mia attenzione altri non era che la mia collega! 

Sorpassata "G", nell'attimo esatto in cui lei stessa, per sua scelta, resta una amica per sempre, anche se fa male solo il pensiero di una simile definizione, ritengo inopportuno luogo e momento per flirtare con lei, piuttosto, la evito. 
Ma nei giorni a seguire neanche la riconosco nelle mise che sfoggia per le varie occasioni: gonna vita alta stretta fin sopra al ginocchio con camicia aperta fin sopra al seno e voluto pizzo bianco a vista ma discreto e di tutto rispetto, su un tacco ancora mite, per finire il terzo giorno ineguagliabile e unica nel suo vestito in chiffon a fiori dai colori tenui ma caldi e autunnali, leggermente ripreso in vita con stivale assolutamente in sintonia che ricorda un pò un look country e assolutamente da imitare.

Qual gentiluomo che sono pur evitandola non posso assolutamente far finta di nulla e esterno la mia compiacenza a quel bel vedere, ma è proprio sul finire di queste giornate che mi rendo perfettamente conto che devo, e sottolineo il doveroso senso, attirare la sua attenzione su di me.
Se non fossi un disastro conclamato nel mantenere un rapporto stabile probabilmente avrei avuto un approccio diretto, ma la realtà mi suggeriva di evitare poi inutili spiegazioni e ragionevoli richieste di meritato rispetto. 
Quindi, resto distaccato, ma senza mai guardarla negli occhi, al mio: "hai un gusto ineccepibile e non so se è voluto o no, ma i tuoi particolari imperfetti mi attirano fin troppo" risponde altrettanto fredda e distaccata: "seguo i consigli del migliore!".
E null'altro... se non un "ci vediamo domani in ufficio per cominciare a buttare giù l'articolo".

Se non fossi un romantico per eccellenza direi che io abbia preso un bel 2 di picche, tuttavia nulla toglie dalla mia mente il giusto sospetto che a questo punto mi avrà quantomeno visto e.... mi penserà.


Buon autunno G.... a te che piace tanto quanto a me!