giovedì 20 giugno 2013

Scrivo una lettera ...... "Cara G....."

"Dolce G." ho pensato di iniziare così, perchè lei è dolce, dolcissima, tanto da far male...

"la dignità non è un vestito che puoi indossare o togliere a piacimento: o la si ha o la perdi per sempre! Tu, sei la mia dignità!"

E mai parole sono state più vere!!!

"Quando si è bambini è tutto così semplice, così ovvio e così scontato! Ma poi, ahimé, si diventa adulti! E cominciamo a sbagliare, senza difesa alcuna, senza attenuanti, senza facili perdoni!"

E fa male crescere alcune volte!

"Te lo capisci bene questo, il tuo mondo, la tua vita, è circondata dall'innocenza, dalla semplicità, dalla sincerità e dalla spontaneità dei bimbi! Per questo non comprendi la difficoltà di un uomo, che crescendo ha perso un pò di questo! "

Eppur l'amo... ancora!

"Sono un romantico, solitario, distinto, perbene uomo orgoglioso! Cosa di tutto ciò non riesci a perdonare?"
Temo una risposta!

"E ti amo! E forse è proprio questo che non riesci a perdonarmi!!! Però è così: nella semplicità, nella sincerità, nella spontaneità del mio cuore da bambino solo e semplicemente ti amo!"

Buona giornata G.