martedì 9 aprile 2013

...e tornando da Parigi...


...ti accorgi che hai dimenticato qualcosa!!!! Si: hai lasciato una parte di te lì sotto la Tour Eiffel! 
Magico monumento che un pò, come per la Statua della Libertà..... ops, ma è francese anche lei se la memoria scolastica non m'inganna...., dicevo, un pò ti fa paura ma ti da un senso di potenza assoluta! 

A parte questo è lì, sotto la Torre di ferro che incontro una particolare, in Francia è facile incontrare qualcosa o qualcuno di "particolare", creatura dal fascino quasi antico
Non esito affatto, non sarò in Francia di nuovo se non fra qualche mese e non credo che le nostre vite si incrocino ancora, quindi, non esito mi avvicino e con il mio scarsissimo francese mi presento!
Avete presente quella voglia di conoscere una persona in quanto colpisce nel pieno la vostra curiosità??? Ebbene, quella voglia incontenibile ha avuto la sua piena soddisfazione! Probabilmente se non fossi attento agli stili neanche l'avrei notata ma senza dubbio mi avrebbe colpito vista la sua incredibile bellezza antica. Si volta verso di me mi sorride e ancor più mi colpisce per la sua particolarissima e singolare scelta del trucco: un'artista!
Stava dipingendo la torre in stile "picassiano" perché io onestamente, ignorante in questa arte, altro non vedevo che scarabocchi, ma ogni qual volta che tracciava un graffio su quel foglio poco prima buttava un occhio attento e scrutante alla torre stessa, ma per non sbagliare non dico nulla in merito, piuttosto: ci provo e le offro un caffè!
Vi dico la verità: sapevo che avrebbe accettato!!! Ora se nel pensiero comune c'è questa idea inconcepibile che il marrone con il blu scuro non va a braccetto se poi abbinati all'arancio e al rosa antico ebbene guardando lei vi sareste ricreduti! Era seduta davanti a me e mai e poi mai avrei pensato che sarei riuscito a sorridere e a parlare con disinvoltura (in inglese) con una donna che sembrava si fosse vestita al buio! Ma in quel mischiare di tonalità e stili c'era qualcosa di incomprensibilmente azzeccato! Ma non capivo cosa!
Una donna sicura di se, benestante, amante della vita e madre di una figlia altrettanto splendida (da foto) di appena cinque anni! Single per scelta, ma qui mentiva... era ferita: con una figlia non è una scelta! Ispirava fiducia onestà e bellezza, ancora e ancora bellissima!!! Janette! Ma che nome è??? Non lo so, mai sentito prima, forse nome d'arte o si finge qualcun altra perché magari famosa e io zuccone non l'ho riconosciuta, ma ora questo nome: lo adoro!! Ma il particolare, particolare che attira e rende il tutto perfetto sono i suoi stupendi e imperfetti capelli lunghi biondi con ciocche castane che illuminano la carnagione perfetta e bianca, e insaporiscono il sorriso dalle labbra rosse e i denti bianchi! Le rughe, poche, intorno agli occhi assolutamente verdi le danno l'espressione di donna e ciò la rende ancor più bella, soprattutto quando la invito a cena e abbassa lo sguardo per rispondermi con un cortese cortesissimo "no"... ma non definitivo... per mia fortuna! I suoi capelli legati in modo del tutto disordinato, e voluto, sulla nuca,  con ciocche ribelli intorno al viso e una folta chioma girata sulla spalla la rendevano sensuale e accattivante, ma per nulla e mai volgare e senza dubbio di un certo stile e di una certa eleganza! Il suo discendere da una buona famiglia era piuttosto evidente! Ma ancora non ero certo sul cosa, in quella mise, rendeva tutto in stile perfetto!!!! E così le ho dichiarato la mia curiosità!!! 

Inutile: anche vestirsi è un'arte! E di nuovo, inutile: lo stile non lo fa l'abito, ma chi lo indossa!!!!



La cena???
Indimenticabile Parigi e sicuramente la città più romantica al mondo!!!

Buoni sogni a tutti!